20/01/2010 
PURPLE NIGHT 2010 - 08.01.2010 
SOLITAIRE:
serata fantastica, oggi ne porto le conseguenze, mal di testa...mi sa che 4 birre a sera non le reggo più.
il tributo a Bolin è stato splendido, non tutti conoscevano le canzoni proposte ma da quanto ho sentito nelle chiacchiere durante le pause sigaretta, è stato apprezzato da tutti. Sui 60/70 beh secondo me, di meglio non c'è, una scaletta fantastica (And the address, One more rainy day, Kentucky woman, Lalena, Wring that neck, Chasing shadows, Hush, Bird has flown, Emmaretta, in più due pezzi mark II Freedom e Halleluya...forse ho anche dimenticato qualcosa)
Per finire la chiusura con i classici, dove però c'è stata anche un pò di stanchezza nel pubblico, sia perchè alla fine i brani che sappiamo, sono triti e ritriti... e poi, secondo me, dopo i 60/70 non hai voglia di sentire altro...


DAGLISTATES:
Ok eccomi per una valutazione con piu' calma della serata.
Innanzitutto grazie ad Ale dipparl e Purplemely per lo scarrozzamento in macchina
(non so se si capiva, ma la mia costola rotta mi ha fatto vedere le stelle
tutta la sera... ma purtroppo non erano le stelle di Space Trucking....).

Sono contentissimo di aver fatto la conoscenza di tutti voi e ho avuto grande piacere
nel poter scambiare opinioni cosi' precise e articolate...
di solito, la gente con cui parlo mi guarda e mi ascolta, ma di dialettica non se ne parla....
Invece ieri.... beh, come dice Elio, che figata!!!!

Nello specifico:
Baby Face: mamma mia che bravi!!! Credo che Tommy sia fiero di voi....
Suggerimento assolutamente di parte: amo Bolin nel disco con Billy Cobahm...
Un qualsiasi brano da quell'album mi farebbe uscire di testa...
Sono sicuro che fareste un grandissimo risultato!!!

60/70: che dire????? GRAZIE!
Grazie per la scelta dei brani (io iniziavo i miei concerti con And The Address,
ma nenanche lontanamente mi avvicinavo alla vostra perfezione),
GRAZIE per aver scelto due brani MkII che ho sempre amato e mai avrei sognato di vedere eseguiti dal vivo....
GRAZIE al chitarrista per aver dimostrato che la "simpatia artistica" (nel senso del termine greco
sun + pathos, ossia di percepire allo stesso modo) con Blackmore e' possibile...
Credo che musicalmente quest'uomo "ragioni" come Blackmore in modo naturale...
e il risultato e' eccezionale....
Complimenti a Piero, che ha una voce da brividi e una presenza scenica eccezionale.
Complimenti a tastierista, che davvero pare uscito direttamente dagli '70
e al bassista, che ha ripreso Simper in modo eccellente.
Al battersita un complimento particolare per la bravura e la simpatia...

Vorrei chiedervi di cimentarvi sul repertorio Morse, ma mi e' stato spiegato che c'e' un po' di resistenza interna... ok.... SIETE GRANDI lo stesso

MdP: non e' facile suonare dopo cotanta maestria.
Hanno svolto il compito al meglio delle loro possibilita'
ed indubbiamente sono in grado di rendere divertente e piacevole la serata.
Tanti auguri al giovane cantante....


Credo pero' (scusate se critico, ma voglio farlo in modo costruttivo):
1) 60/70 dovrebbero essere lasciati per ultimi
2) bandirei dalla Purple Night i seguenti brani:
Smoke in the Water
Highway Star
Black Night
e forse anche Speed King...
Perche'?
Ovvio: conosciamo quei brani in ogni angolo, vogliamo le cose di nicchia,
quelle che ci fanno strabuzzare gli occhi, quelle che manco per caso sentiremmo...

Lo so che forse chiedo troppo, ma almeno ci provo!!!

Grazie ancora e complimenti!!!

Alex



ZERO THE HERO:
Che dire, è stata una serata eccezionale, di cui avete già detto tutto tutti. Vabbé, dirò qualcosa anch'io :)
Grandissimi i Baby Face, per come sono riusciti a rendere le atmosfere rock/jazz del grande Bolin; e un grazie anche per la scelta dei pezzi (ho sempre adorato "Savannah Woman" ^___^).

Sui 60/70, beh, non ci sono molte parole. Incredibili! L'aspetto più grandioso è come riescano a essere così fedele ma allo stesso tempo riuscire a dare una propria impronta. Davvero emozionante (fortunatamente la mia birra era verso il centro del tavolo, altrimenti avrebbe presto raggiunto il mojito di Hogwash!) uno dei più intensi momenti "porpora" degli ultimi anni. Anche la scelta dei pezzi è stata ottima (non mi aspettavo "Painter", uno dei miei pezzi preferiti del MkI, e speravo, ma non ci facevo molto conto, su "Chasing Shadows", altro pezzo a cui sono molto legato). A conferma della capacita dei 60/70 di coinvolgere il pubblico, un mio amico presente alla serata, che dei DP conosce solo i classici, e che quindi ignorava totalmente il set, a fine concerto la prima cosa che mi ha chiesto è: "ma quando suonano ancora?".
Ciao,
Andrea

indietro